beavers.it
Cos'è
Beavers?
Se non sapete perchè siete qui questo è il posto giusto dove iniziare.
χ

Live for Speed

Guidare la macchina anche senza patante

  • Scaricate il gioco da qui: https://www.lfs.net/
  • Aggiungete questi file presi dal forum di LFS: https://www.lfsforum.net/showthread.php?t=86202
  • Settate Oculus in Extended Mode (non Dk1 compatibile)
  • Anche il vostro desktop deve essere Esteso e sopratutto quello di oculus DK2 non verticale
  • Entrate nel gioco, opzioni
  • Cliccate su Visuali, poi in alto al centro, cliccate “3D”
  • Ricordatevi di settare gli FPS massimi a 76, togliete il V-sync
  • Selezionate Oculus Rift
  • Riavviate il gioco, partirà automaticamente nel Rift, quando il rift non è in extended mode partirà sullo schermo.
  • Occhio che se succede, dovrete ripristinare la visuale dalle opzioni, ripassare al 2D, e rifare il passaggio da zero.
  • UFF!

La demo di LFS permette di fare gli allenamenti ed un Time Attack nel percorso di Blackwood, provando 3 diversi stili di guida. Fossero tutte così esaustive le demo, sarebbe tutto molto più semplice. Sbloccherete le 3 prove libere completando l’allenamento, un ottimo modo per prendere confidenza con il gioco.

Una pletora di opzioni

Vi potete sbizzarrire con un sacco di settaggi, quelli importanti per l’esperienza VR sono nella sezione “visuali” dove potete scegliere le distanze, gli FPS massimi, la presenza o meno del pilota, la rifrazione negli specchietti retrovisori ed altri dettagli.

Settate per bene il vostro Pad/Tastiera/Volante prima di partire, perchè se non sbloccate il gioco completo dovrete farlo ogni volta da zero. Il supporto del pad è totale, grilletti inclusi.

Le schermate di opzioni sono un pò fastidiose, e non c’è il traking durante i replay, ma ci si fa l’abitudine.

Guida sportiva

null

Il primo approccio è la XF GTI. Notevole macchinina, si va in giro che è un piacere. Mi sono cappottato al secondo giro, dove ho imparato che non sto giocando a Radial-G, ma sto guidando una macchina vera.
L’impatto iniziale è bellissimo, potete guardare l’interno dell’ auto, avvicinarvi ai particolari ed una volta usciti, ammirare l’esteso orizzonte artificiale. LFS infatti da una sensazione di spazio molto gradevole.

La XF si guida bene una volta imparata a dominare e la sensazione di Motion Sickness è bassissima.

Barf Level: 1

null

Formula Uno!

null

la BMW F1 che porterete in giro per Blackwood è la macchina più spassosa da guidare. Guardandovi attorno finalmente potrete capire come ci si deve sentire a portarne una vera. I dettagli sono stupendi ed ho preso una bella testata contro il tracciato per guardare le ruote che si muovevano XD

Altra cosa che ti fa sentire in colpa per tutte le volte che guardando il GP hai pensato “tanto si guidano da sole ormai queste macchine” è il distrarsi anche solo un secondo a guardare il tracciato mentre si sfreccia: praticamente il secondo dopo siete fuoripista.

Bellissima esperienza, poi si guida bene ed è molto Kartosa, quindi addirittura più adatta al primo approccio.

Barf Level: 0

null

Rally

null

La XRGT alla quale vi mettono alla guida è una derapata continua. Il percorso presenta alcuni salti ed un sacco di buche, quindi la sensazione è molto bella e coinvolgente. Il problema è che voi, nella realtà, non state sobbalzando, quindi il Motion Sickness aumenta di conseguenza.

Il tracciato rally è molto piccolo, sono curioso di provare una versione più estesa, magari nel deserto!

Barf Level: 3

null

Erano anni che volevo avere la possibilità di guidare una macchina virtuale e poter guardare gli specchietti retrovisori in modo realistico, muovendo gli occhi e la testa, e non più premendo pulsanti e cambiando visuale. Un esperienza bellissima! Ad un certo punto ho provato pure ad appoggiarmi al finestrino! :V

null

Live for Speed fino all’altro ieri non sapevo neanche che esistesse. E’ un gioco di guida simulativo online che a quanto pare ha un discreto successo. Ci sono centiaia di persone che giocano ed ha un sacco di opzioni, proprio come ci si aspetta da un gioco di guida moderno. Va limato, non è graficamente eccelso (ma neanche un cesso totale) ma diverte e con un volante secondo me da veramente il meglio di se. La licenza completa costa soli 30 euro, onestissimo, e la community e gli sviluppatori sembrano molto attivi.

In più è un ottimo incipit a quello che potrebbero essere i giochi Ps4 con Project Morpheus. Oculus sembra proprio che tirerà fuori il meglio di se da questo genere.

Un articolo di the TMO

Puoi trovarmi su Twitter o Facebook

per gli amici Timo, è in realtà Marco E. Giammetti, sul pianeta terra dal 1979 e grafico dal giorno prima. Ha cominciato a mettere le appiccicaticce manine sui videogame all’ età di 3 anni con un Vic 20 e non ha più smesso di giocare da quella data in poi, frequentando sale giochi malfamate e rischiando più volte la bocciatura a scuola per tentare di uccidere quell’ ultimo maledetto boss.

09 agosto 2014 Categoria: Oculus-Rift-dk2

Commenti

Speciali

uncharted_header

Speciale Uncharted

Con la pubblicazione della Nathan Drake Collection su Ps4 finalmente tutti (non tutti) gli episodi di Uncharted sono stati rimessi a nuovo. Nuova grafica, nuova risoluzione, nuovo sistema di mira, 60fps e texture in abbondanza! Ne approfitto per parlarne un pò a modo mio, come al solito no major spoiler anche perchè Sony dice che [...]

CSVrHv6WsAAFqoX

PSW’15 – Playstation Conference [parte 2]

Tekken 7 Torna anche il picchiaduro Namco. E’ il “sette” in ordine di uscita, ma la storia che lega i personaggi funge da prequel dell’intera serie. Gran Turismo Sport (esclusiva) Torna su PS4 GT, ma sarà incentrato pesantemente sull’online, tanto che hanno annunciato una cosa che potrebbe essere fantastica quanto inutile: le prove online dei [...]

pwg2015_comic_beavers

PSW’15 – Playstation Conference [parte 1]

Ricicliamo una vecchia striscia (opportunamente modificata :V), perchè il 27 Ottobre 2015, in quel di Parigi, si è consumata l’ennesima tragedia in casa Microsoft: Playstation organizza un media briefing per la Paris Games Week e droppa. Droppa ancora. Droppa di peso. Tra qualche istante si racconterà cosa, ma ritorneremo sul discorso “Console War” a fine [...]

TMO's Beavers è un marchio registrato
Creato e diretto da Marco Giammetti dal 2004 a oggi.
Programmazione Augusto Silvino | Grafica, xhtml e css by Marco Giammetti | Creato con orgoglio su Wordpress
Tutti i contenuti pubblicati, salvo diversa indicazione sono coperti da copyright è quindi vietata la riproduzione anche parziale di contenuti sia grafici che testuali senza autorizzazione.

TMO's Beavers è un prodotto Tmoproject