beavers.it
Cos'è
Beavers?
Se non sapete perchè siete qui questo è il posto giusto dove iniziare.
χ

le 4 cose che so su VALVE VR

Domani 3 Marzo alle 3 del pomeriggio (mezzanotte da noi ndTMO) Valve terrà una presentazione al GDC di San Francisco. Data e orario potrebbero essere una semplice coincidenza, oppure no. Nel caso in cui non sia una coincidenza è molto probabile che domani l’internet collassi come non era successo dai tempi del culo della Kardashian. In questo possibile scenario post (o porc) apocalittico sicuramente passerà in secondo piano la parte della conferenza in cui si parlerà del ValveVR, il nuovo visore della Realtà Virtuale sviluppato dall’azienda di Gabe Newell.

Per questo motivo (e anche per passare un po’ il tempo nell’attesa) ci sembra giusto dedicare un post per commentare quello che sappiamo oggi del ValveVR.

[HTML1]

Per rendere il post ancora più accattivante e acchiappa-clic abbiamo deciso di scriverlo in forma di lista.

  1. È un progetto sviluppato in partnership con HTC. Questo lo sappiamo perché ieri a Barcellona, durante il Mobile World Conference, HTC ha annunciato la partnership con Valve e ha anticipato alcune caratteristiche tecniche. Il prodotto si chiamerà Vive e il video di presentazione è abbastanza brutto.

  2. Al contrario di Oculus Rift, il visore di Valve avrà due monitor indipendenti, uno per occhio. Quando ho letto la specifica, questa è la caratteristica che più mi è saltata agli occhi. Adesso vi dò un po’ di dati per farvi capire perché sono perplesso. Per fare le cose ancora più confuse ve li mostrerò tramite un elenco puntato:

    1. HTC dice che gli schermi vanno a 90FPS, quindi una nuova immagine ogni 11 ms.

    2. Uno schermo ci mette una decina di millisecondi a cambiare tutti i suoi pixel.

    3. Carmack (http://oculusrift-blog.com/john-carmacks-message-of-latency/682/) dice che il ritardo tra lo spostamento della vosta testa e la nuova immagine davanti ai vostri occhi dovrebbero passare un 20 ms al massimo.

    4. Quindi, con 90 FPS, il visore ha un solo tentativo a disposizione per mandare una nuova immagine agli schermi.

    5. Questo segnale deve arrivare ai due schermi OLED con uno scarto minimo, altrimenti sui due schermi si vedrebbero immagini diverse e il vostro cervello andrebbe in pappa (più o meno).

    6. Poiché il visore ha a disposizione un unico tentativo per centrare i 20ms di latenza, complicarsi la vita aggiungendo due visori ha raddoppiato la probabilità del visore di Valve di centrare quest’obiettivo

    7. (poi magari questi sono dei maghi e hanno fatto una board coi baffi e non c’hanno problemi di ritardi tra i segnali, ma devono essere stati proprio bravi)

  3. HTC ha detto che oltre a giroscopi e accelerometri, Vive sfrutta un sistema di tracciamento laser per capire la posizione del visore. Ci sarà poi una Steam VR station che permetterà agli utenti di camminare all’interno del mondo virtuale- le soluzione sia quello di permettere agli utenti di potersi muovere stando in piedi. Io sono molto scettico su questa modalità di fruizione della realtà virtuale. Aggirarsi per caso con un casco che ti copre gli occhi è troppo rischioso e scomodo. Ad oggi, inoltre, le migliori esperienze in VR sono quelle in cui ci si simula di stare seduti, triste a dirlo, ma anche nei mondi virtuali è meglio stare stravaccati su un buon divano.

  4. Valve è molto avanti nella soluzione software. Lo dimostra questo video dell’anno scorso in cui è stata presentata un’architettura per il supporto di più headset per la VR.

    [HTML2]

    Questo è sicuramente un punto a favore di Newell e compagni. immaginate se la soluzione di Valve permettesse agli sviluppatori un porting veloce delle loro applicazioni su sistemi VR. Ci sarebbero migliaia di titoli di altissima qualità pronti a supportare Vive, cosa che ad oggi non si può dire per i competitor quali Oculus Rift, Morpheus e Hololens (risate registrate)

E questo è quanto, ci si rivede domani, sempre se il mondo non sarà esploso prima.

null

Cliccate qui per una pletora di immagini!

Un articolo di antolo

Puoi trovarmi su Twitter o Facebook

Manager esperto in sviluppo software all’interno di gruppi internazionali. Appassionato di tecnologia e cultura, nel 2004 crea la comunità online Sbontolo.com, nel 2012 è tra i fondatori di BN.Comix. Studia le tecniche di storytelling e ne scrive su IlVaglio.it e su Lo Spazio Bianco.

02 Marzo 2015
Categoria: Blog, Comics

Commenti

5 risposte a “le 4 cose che so su VALVE VR”

  1. Riccardo Raimondi ha detto:

    3 – 3 – 2015 2+0+1+5=8 si taglio a metà 8 ottengo due 3 Half Life 3 confirmed

  2. TriGiamp ha detto:

    Da quel poco che so di elettronica, la sincronizzazione del segnale tra i 2 monitor nel giro di 1-2 millisecondi non dovrebbe essere una cosa difficile (che poi, dato che i due occhi devono vedere immagini leggermente diverse potrebbe anche non essere un problema). E un oled ha tempi di salita/discesa dell’ordine dei microsecondi (~100-200 se non sbaglio, anche se dipende molto da come si misura). Mettendo insieme queste due cose sul punto 2 starei tranquillo.

    • Marco Giammetti ha detto:

      Tanto se non annunciano Half Life 3, Portal 3 e Left for Dead 3 non serve a niente! :V

    • TriGiamp ha detto:

      La partnership con
      H alf-life
      T hree
      C onfirmed

      non è casuale. Credits al Kaz Hirai ironico di twitter per la battuta.

    • Antonio Furno ha detto:

      diciamo che (sempre per parlarne nell’attesa) con i due monitor si sono complicati notevolmente la vita

Lascia un commento

Speciali

Speciale Uncharted

[HTML1] Con la pubblicazione della Nathan Drake Collection su Ps4 finalmente tutti (non tutti) gli episodi di Uncharted sono stati rimessi a nuovo. Nuova grafica, nuova risoluzione, nuovo sistema di mira, 60fps e texture in abbondanza! Ne approfitto per parlarne un pò a modo mio, come al solito no major spoiler anche perchè Sony dice […]