beavers.it
Cos'è
Beavers?
Se non sapete perchè siete qui questo è il posto giusto dove iniziare.
χ

Not a Hero

Dipende dai punti di vista.

Not a Hero
Not a Hero è disponibile su Steam ed è in arrivo per PS4 e PSvita.

Quando capita di vedere un gioco indie in 2D, uno sparatutto, la prima cosa che viene in mente ai più giovani è Metal Slug, ai più vecchi Contra (o Probotector, preferivo i Mech, sono sincero). Ultimamente grazie a Tribute games (Mercenary Kings) e Capybara Games (Super Time Force Ultra) i due giochi citati sopra hanno ricevuto una bella rinfrescata anche se, a conti fatti, l’anima è sempre la stessa.

E se vi dicessi che c’è la possibilità di tirare fuori qualcosa di nuovo dagli sparatutto 2D, oltretutto foderato di parolacce?

Not a Metal Slug

La storia racconta di Bunnylord, un enorme coniglio viola (spero sia viola, sono daltonico, altrimenti è solo un enorme coniglio) che decide di diventare Global Mega Lord, ammazzando gente. Anche perchè se non diventa GML ammazzerà un sacco di gente in più. Voi fate parte del Bunnylord’s FUN Club e prendete la sua candidatura molto sul serio, visto che tra i vari personaggi tra cui potete scegliere non ce ne stà uno col cervello a posto.

null

Not a Contra

Gli sviluppatori di Olli Olli, titolo apprezzato da tutti meno che da me, forse perchè mi sono rotto il mento due volte con lo skateboard, hanno pensato bene di creare un gioco che è completamente diverso da quello che ci si aspetta.

Ero convinto, appena finito il download su steam, di ritrovarmi con un altro Broforce, sparatutto 2d spensierato e divertentissimo (di cui parleremo in una recensione a 3 mani), invece mi accorgo immediatamente che Not a Hero ha delle regole di ingaggio, cosa naturale in un gioco 3D tipo Gears of War, ma di rado si è visto in un titolo pixellone!

Roll7 ha inserito pochi comandi

  • Scivolata/Copertura
    Dipende dal personaggio utilizzato, ha 2 scopi fondamentali: far cadere i nemici a terra e permette di nascondersi automaticamente dietro un oggetto/porta. Questa meccanica all’inizio può sembrare confusionaria (pensavo fosse molto più naturale premere in su o in giù sul pad per nascondersi, come in Blackthorne) ma vi semplifica la vita non dover pensare a nessun altro comando. In più alcuni personaggi sparano in scivolata, il che rende tutto ancora più Banderas in Desperado, prima che si rincoglinisse appresso al pane di plastica del Mulino Bianco.Vista l’assenza del tasto di salto la scivolata viene anche utilizzata per superare i tratti lunghi che separano pezzi di livello. E zompare da una finestra all’altra per fare mattanza è uno spettacolo.
  • Ricarica
    Parrebbe scontato, ma la ricarica è il punto più cruciale del gioco. Il 50% delle volte che si crepa è perchè avete scelto il momento sbagliato per ricaricare. Potete farlo anche in copertura e tutti i personaggi hanno tempi di ricarica differenti. In base al bonus ed alle pallottole che avete trovato potreste aver tempi di ricarica diversi. E’ intelligente ricaricare ad esempio mentre si tenta di aprire una porta con un pulsante, in modo da ottimizzare i tempi di ingaggio successivi.
  • Sparare
    Pem Pem! Occhio che non tutti i personaggi hanno lo stesso tipo di mira.
  • Special
    Lungo la strada potreste trovare dei marchingegni, tipo gatti esplosivi, che vi semplificano la vita. Anche normalissime granate ma i gatti esplosivi vincono.
  • Azione/Raccogliere
    Dovrete solo stare fermi sull’oggetto.  Questo vi porterà di solito fuori copertura o dentro un’imboscata. Niente si da per niente!

Questi 4 elementi sono incastonati  nell’impianto di gioco che gira attorno a degli obiettivi secondari da portare a termine per  accedere ai diversi finali. Potrà essere richiesto di uccidere tutti gli avversari, di raggiungere un determinato punto in poco tempo o di raccogliere elementi (o distruggerli) all’interno della mappa. Per quanto ci sia una sorta di randomizzazione degli oggetti, questa non andrà mai a cambiare il tipo di missione.

Mi spiego meglio: se una missione è “recupera tutte le tastiere” alla partita successiva potrà diventare “recupera tutti gli orsacchiotti”, quindi non cambierà mai l’azione da compiere.

Not a Brainless

Per quanto il gioco non si prenda assolutamente sul serio, grazie anche alle battute continue dei personaggi (doppiati con un ottimo accento inglese ed irlandese), non è un titolo che si affronta senza usare il cervello. Ogni missione ed ogni obiettivo secondario vanno risolti con una sorta di ritmo. Buttarsi a capofitto nell’ azione di solito equivale a morire, e vista l’estensione di alcuni livelli morire non è proprio una buona idea: ogni volta che si crepa si ricomincia dall’ inizio del livello! Questa decisione penso sia dettata dalla natura lineare alla base delle missioni secondarie ed aumenta non poco la longevità del gioco, alla fine sono solo 21 livelli più alcune missioni segrete da scovare (difficilissime).

Un gioco quindi che è a metà tra il “mi faccio un’ altra partita e poi smetto” e “basta non ne posso più”.

Not a Masterpiece

C’è una falla in tutto questo splendore, a cominciare dal lato stilistico: c’è un problema di coerenza nel design degli sprite che è veramente strano. Alcuni hanno una densità diversa da altri, non il classico raddoppio di grandezza, proprio un diverso utilizzo di pixel. Ancora, praticamente su 3 ambientazioni 2 sono identiche, cambia solo il colore. La terza solo qualche elemento (ed il colore). Gli sfondi sono staticissimi. L’utilizzo di sfocatura nello sfondo e nelle sezioni più vicine alla prospettiva del giocatore sembrano incoerenti. Così come alcune esplosioni. Insomma graficamente è molto poco omogeneo, quasi casuale. Potrebbe anche essere una scelta stilistica, se lo è, è una pessima scelta.

Lato gameplay invece il problema maggiore deriva dal fatto che di tutti i personaggi, tranne Mike, sono inutili. Appena ho sbloccato Mike mi sono totalmente assuefatto al suo modo di combattere (ed ai suoi FUUUUUUUUCK), al ritmo dei 2 colpi e le uccisioni silenziose. Sarà una mia impressione ma è come se quasi tutte le missioni più difficili fossero create apposta per essere risolte solo ed esclusivamente con Mike.

Quindi Mike quando dice “I think i shat myself” è perchè deve fare tutto il lavoro da solo. Grande Mike. Però ammetto che magari è un mio limite e qualcuno possa anche riuscire a portare a termine una missione decentemente con Stanley (vero personaggio inutile).

I monologhi di Bunnylord all’inizio ed alla fine delle missioni sono simpatici, ma sono anche estremamente tediosi a volte e non è possibile velocizzarli, solo saltarli totalmente. La storia viene raccontata tutta in queste due sezioni e durante i combattimenti con i boss, in minima parte. Anche quest’ultimi alla fine sono solo 3 e l’unico degno di nota è solo l’ultimo.

Ultima nota: il gioco ha 4 pixel ma scatta tantissimo. Sta per arrivare una patch, gli scatti non rendono il gioco ingiocabile ma l’esperienza ne risente. Con 60FPS costanti potrebbe essere veramente adrenalinico, quindi speriamo bene.

Not a Banana

Non troverete un altro gioco simile a Not a Hero. Ed è questo il suo punto di forza. Per quanto possa essere un titolo breve (io ho giocato 9 ore in totale) è un esempio di come basti un idea per rendere un concetto vecchio e trasformarlo in qualcosa di nuovo ed interessante. Mi sono ritrovato più volte ad aver bisogno di staccare dal lavoro e pensare a Not a Hero come svago. Non aver più necessità di giocarlo perchè ormai è finito è un vero peccato. Così com’è un peccato non sapere che sapore abbia il frullato di Wombat.

8.5

Un articolo di the TMO

Puoi trovarmi su Twitter o Facebook

per gli amici Timo, è in realtà Marco E. Giammetti, sul pianeta terra dal 1979 e grafico dal giorno prima. Ha cominciato a mettere le appiccicaticce manine sui videogame all’ età di 3 anni con un Vic 20 e non ha più smesso di giocare da quella data in poi, frequentando sale giochi malfamate e rischiando più volte la bocciatura a scuola per tentare di uccidere quell’ ultimo maledetto boss.

27 settembre 2015 Categoria: Comics Review

Commenti

Speciali

uncharted_header

Speciale Uncharted

Con la pubblicazione della Nathan Drake Collection su Ps4 finalmente tutti (non tutti) gli episodi di Uncharted sono stati rimessi a nuovo. Nuova grafica, nuova risoluzione, nuovo sistema di mira, 60fps e texture in abbondanza! Ne approfitto per parlarne un pò a modo mio, come al solito no major spoiler anche perchè Sony dice che [...]

CSVrHv6WsAAFqoX

PSW’15 – Playstation Conference [parte 2]

Tekken 7 Torna anche il picchiaduro Namco. E’ il “sette” in ordine di uscita, ma la storia che lega i personaggi funge da prequel dell’intera serie. Gran Turismo Sport (esclusiva) Torna su PS4 GT, ma sarà incentrato pesantemente sull’online, tanto che hanno annunciato una cosa che potrebbe essere fantastica quanto inutile: le prove online dei [...]

pwg2015_comic_beavers

PSW’15 – Playstation Conference [parte 1]

Ricicliamo una vecchia striscia (opportunamente modificata :V), perchè il 27 Ottobre 2015, in quel di Parigi, si è consumata l’ennesima tragedia in casa Microsoft: Playstation organizza un media briefing per la Paris Games Week e droppa. Droppa ancora. Droppa di peso. Tra qualche istante si racconterà cosa, ma ritorneremo sul discorso “Console War” a fine [...]

TMO's Beavers è un marchio registrato
Creato e diretto da Marco Giammetti dal 2004 a oggi.
Programmazione Augusto Silvino | Grafica, xhtml e css by Marco Giammetti | Creato con orgoglio su Wordpress
Tutti i contenuti pubblicati, salvo diversa indicazione sono coperti da copyright è quindi vietata la riproduzione anche parziale di contenuti sia grafici che testuali senza autorizzazione.

TMO's Beavers è un prodotto Tmoproject