beavers.it
Cos'è
Beavers?
Se non sapete perchè siete qui questo è il posto giusto dove iniziare.
χ

Zoo Tycoon

Leoni, gazzelle ed ippopotami sul botolo Microsoft.
E noi li gestiamo tutti.

Zoo Tycoon

Sei mai stato in uno Zoo?

Zoo Tycoon è un titolo di lancio quantomeno inaspettato. Lanciato abbastanza in sordina (si dice nonudentina ndTMO), questo prodotto è un gestionale realizzato in esclusiva per Xbox One che fa larghissimo uso del Kinect.
Il gioco è stato sicuramente realizzato con i bambini come target, e si presenta con una grafica coloratissima e molto gradevole. Il motore poligonale è solidissimo e molto fluido, e complice il fatto che la quantità di oggetti da gestire non è mai troppo elevata il tutto scorre stabile e veloce, esattamente come ci si aspetterebbe da titoli ben più blasonati. I modelli degli animali poi sono realizzati in maniera curatissima, e quando si porta un alto livello di zoom capita di rimanere davvero a bocca aperta per il livello di cura e di dettaglio speso per i nostri pelosi (o squamosi, o pennuti) amici.
Il sonoro anche è interessante, con doppiaggio per gli esseri umani e versi riconoscibili per gli animali. Curato ma niente di sconvolgente ecco.

Dal punto di vista della giocabilità ci troviamo davanti ad un gestionale puro, ma decisamente semplice. Il gioco consiste nello sviluppare uno zoo installando attrazioni, adottando animali ed installando servizi. C’è una minima parte di gestione del personale ma si limita a qualche inserviente, rangers e veterinari addetti alla riproduzione. Più il nostro zoo sarà ricco di animali ed attrazioni più attireremo gente; e più attireremo gente più faremo soldi. Fare soldi è davvero facile ed il gioco ci proporrà sempre una serie di missioni che pagano discretamente bene e che dunque ci permetteranno di far crescere il nostro zoo abbastanza rapidamente.
Ogni animale ha inoltre un livello di crescita basato sulla soddisfazione dello stesso. A livello 10 gli animali si potranno accoppiare, con la possibilità di generare un cucciolo, ed a livello 15 potranno essere rilasciati nel loro habitat. Cuccioli e liberazioni portano grossi bonus di visitatori e denaro direttamente nelle casse dello zoo.

Intendevo come spettatore!

Purtroppo dal punto di vista contenutistico il gioco offre davvero poco. Le attrazioni degli zoo sono di forma e dimensione prestabilite, e possiamo variare solo l’orientamento e la posizione. Inoltre le missioncine tendono a ripetersi costantemente; fare foto agli animali, pulirli, interagire, guidare le buggy dal punto A al punto B. Dal punto di vista gestionale c’è ben poco da fare insomma, ma se consideriamo il target del gioco il tutto è adeguato e permetterà ai bambini di lavorare su un gestionale senza impazzire ed al contempo li divertirà con ciò che a mio avviso è la parte più interessante e meglio curata del gioco: l’interazione via Kinect.
Ogni volta che creeremo una attrazione di medie o grandi dimensioni avremo la possibilità di inserire uno dei 3 tipi di interazione, a seconda del tipo di animale. Per gli erbivori abbiamo stazioni di frutta e verdura per dare da mangiare, per i grandi mammiferi abbiamo pompe d’acqua per rinfrescarli e per i predatori (e le scimmie) abbiamo un vetro che gli permetterà di mimare i nostri movimenti.
Kinect in queste istanze funziona benissimo (così come per i comandi vocali durante il gioco) e la cura posta nei modelli degli animali e nelle loro animazioni si fa più che evidente. I bambini passeranno ore a giocare con i cuccioli di leone o tigre, e non mi vergogno a dire che mi sono trovato a giuggiolare come una ragazzina davanti ai suddetti animaletti virtuali.
In buona sostanza quindi il prodotto è solidissimo e divertente per i più piccoli. Meno per gli adulti, ma è bello vedere che la line up di lancio copre un po’ tutti i gusti. Ed è bello anche vedere che Kinect è in grado di fare le cose decentemente, non come in quello scempio di Fighter Within.
Zoo Tycoon si merita un

7

null

Un articolo di Prophet

Puoi trovarmi su Twitter o Facebook

Sono capitato su questo sito di pazzi parecchio tempo fa, un semplice lettore come voi comuni mortali, ed il sito era differente allora; tutto era più semplice a quei tempi. Ma un giorno cominciarono le recensioni, e sentii un disturbo nella forza. TMO, Pupo e LostTrainDude erano soli e disperati, e solamente il successore della divina recensione di Hokuto poteva salvarli, ma era occupato. Quindi ho cominciato a dare una mano io. Gioco ai videogiochi da quando convinsi i miei genitori a regalarmi un Master System per Natale, e da allora non c'è stato giorno in cui non abbia trovato un modo per fare una partita ad un qualunque sistema di intrattenimento elettronico. Questo purtroppo ha generato in me un errore critico di sistema, da cui è nato Casimiro; personificazione di tutto ciò che c'è di sbagliato e corrotto nella community dei videogiocatori. Almeno ci fa ridere.

19 gennaio 2014 Categoria: Comics Review

Ci sono 3 commenti

Commenti

  • Pingback: Quiz #15 - Beavers

  • Murdock

    Non sapevo di questo sequel/remake per One, ero rimasto ai primi 2 capitoli per pc di oltre un decennio fa. :O

    Bella recensione! :D

  • Luca Zanella

    Grazie :V

Speciali

uncharted_header

Speciale Uncharted

Con la pubblicazione della Nathan Drake Collection su Ps4 finalmente tutti (non tutti) gli episodi di Uncharted sono stati rimessi a nuovo. Nuova grafica, nuova risoluzione, nuovo sistema di mira, 60fps e texture in abbondanza! Ne approfitto per parlarne un pò a modo mio, come al solito no major spoiler anche perchè Sony dice che [...]

CSVrHv6WsAAFqoX

PSW’15 – Playstation Conference [parte 2]

Tekken 7 Torna anche il picchiaduro Namco. E’ il “sette” in ordine di uscita, ma la storia che lega i personaggi funge da prequel dell’intera serie. Gran Turismo Sport (esclusiva) Torna su PS4 GT, ma sarà incentrato pesantemente sull’online, tanto che hanno annunciato una cosa che potrebbe essere fantastica quanto inutile: le prove online dei [...]

pwg2015_comic_beavers

PSW’15 – Playstation Conference [parte 1]

Ricicliamo una vecchia striscia (opportunamente modificata :V), perchè il 27 Ottobre 2015, in quel di Parigi, si è consumata l’ennesima tragedia in casa Microsoft: Playstation organizza un media briefing per la Paris Games Week e droppa. Droppa ancora. Droppa di peso. Tra qualche istante si racconterà cosa, ma ritorneremo sul discorso “Console War” a fine [...]

TMO's Beavers è un marchio registrato
Creato e diretto da Marco Giammetti dal 2004 a oggi.
Programmazione Augusto Silvino | Grafica, xhtml e css by Marco Giammetti | Creato con orgoglio su Wordpress
Tutti i contenuti pubblicati, salvo diversa indicazione sono coperti da copyright è quindi vietata la riproduzione anche parziale di contenuti sia grafici che testuali senza autorizzazione.

TMO's Beavers è un prodotto Tmoproject