beavers.it
Cos'è
Beavers?
Se non sapete perchè siete qui questo è il posto giusto dove iniziare.
χ

Saints Row 4

I santi avanti e dietro tutti quanti

Saints Row 4

Dopo la separazione forzata dallo storico publisher THQ (pace all’anima sua), i Santi hanno trovato in Deep Silver la loro nuova valvola di sfogo, e PS3, Xbox 360 e PC ne hanno subìto le conseguenze.

In Saints Row IV l’esagerazione e il nonsense arrivano a livelli inimmaginabili: il gameplay storico della serie ha ceduto il passo a qualcosa di più fresco e dinamico, quasi impossibile citare tutti i titoli a cui il gioco Volition s’ispira e trolla, ma inFamous è sicuramente quello che più si avvicina, anzi, in molti aspetti Saints Row IV è anche migliore.

In questa divertente ed esageratissima prosecuzione dei capitoli precedenti, il Boss dei Santi è dotato di super-poteri che ne esaltano le qualità e l’ego, e deve affrontare una razza aliena che crea non pochi problemi al genere umano.

L’anti-eroe per eccellenza, da creare tramite l’editor a inizio gioco, o da scegliere tra le creazioni della community, affronta una moltitudine di missioni principali ognuna profondamente differente dalla precedente, non solo nell’obiettivo finale ma anche in termini di gameplay utilizzando diverse tipologie di gioco, avventure testuali incluse, e il tutto è condito da una colonna sonora composta anche da brani famosissimi come I Don’t Wanna Miss a Thing degli Aerosmith o What is Love di Haddaway, che sembrano inserite in eventi e situazioni senza una logica; In realtà una logica c’è, ed è quella di far apparire sul viso del giocatore espressioni che vanno dal sorriso da ebete alla risata fragorosa con occhi strabuzzati.

Durante il free roam (leggasi “cazzeggio”) si possono affrontare sfide di abilità e agilità, prendere il controllo della città zona per zona, ricercare cluster e cimentarsi in tante altre mansioni classiche del genere come acquistare vestiti, modificare macchine, picchiare/derubare tutto ciò che si muove su due gambe. A parte quest’ultime, tutte le altre attività, soprattutto la ricerca dei cluster, sono dispensatrici di soldi e punti esperienza, fondamentali per far evolvere i poteri e la cafoneria del Boss. Di queste attività si compongono anche le missioni secondarie (che, alla lunga, diventano un po’ noiose), utili a guadagnare exp e sbloccare nuove abilità. Un gameplay variegato per tantissime situazioni di gioco, Volition ha lavorato con vera passione per i videogame.

Se ci fosse stata la stessa passione nel realizzare altri elementi, avremmo davanti il videogame definitivo, invece, sul piano grafico e tecnico Saints Row IV sbanda un po’. Non è il tearing o l’impatto visivo poco entusiasmante, ma i problemi dati da alcune collisioni (quantomeno dubbie), incertezze della telecamera e una fisica dei colpi ai minimi livelli, creano parecchie situazioni caotiche e un feedback debole negli scontri a fuoco. Difetti che vanno a minare in modo deciso alcune fasi di gioco, ma che vengono compensati dalla velocità d’azione e dal motore grafico che non perde un colpo, neanche quando a schermo c’è l’apocalisse.

Saints Row IV è esagerato, sboccato e troll come nessun altro ha mai osato. Non è esente da problemi, anzi, alcuni influiscono sulla godibilità del gioco, ma rimane un titolo divertente nelle situazioni, nei dialoghi e nei tantissimi easter egg presenti, che vanno dalle citazioni videoludiche a quelle cinematografiche (il tributo a Ritorno al Futuro vince sul mondo). Volition ha avuto il coraggio di aggiornare e cambiare la formula di un brand che ha superato abbondantemente le dieci milioni di copie vendute in tutto il mondo, una mossa più unica che rara, e secondo me vanno premiati, specialmente perché non hanno fallito e hanno messo in questo titolo tutta la loro essenza di videogiocatori. Al voto qui sotto secondo me, i fan della serie devono aggiungere un punto pieno, per gli altri invece è semplicemente consigliatissimo.

8null

Un articolo di Er Pupo

Puoi trovarmi su Twitter o Facebook

Se mi trovo qui é perché sono romano: ho conosciuto Marco all’expocartoon di Roma quando ancora era un fanboy SEGA, scriveva su un sito di Videogiochi che seguivo e si faceva chiamare TMO (senza l’articolo). Con la morte del Dreamcast TMO impazzì, e ne seguirono una serie di eventi (durati 10 anni e passa) che senza motivazione apparente mi hanno portato a scrivere su Beavers. Sapevo di TMO project quando ancora era nella testa di Timo, anche se non ho ancora ben capito cosa sia, e sono a conoscenza della passione, il tempo ed i soldi che ha dedicato da anni a questa parte. Ancora mi chiedo però cosa significasse la sua vecchia mail, “mamameg” (rischierei la scomunica ndTMO) pero’ sono felice e onorato di essere qui. I miei vizi sono solo sigarette e gaming, dunque va da se’ che sto’ sempre senza na lira (cosa che ci accomuna un pò tutti, su questo sito ndTMO)!

31 agosto 2013 Categoria: Comics Review

Ci sono 11 commenti

Commenti

  • kingkilium

    Bell’evoluzione ragazzi, secondo me il trastormare in recensioni i commenti di solito allegati alle vignette è una mossa vincente! Il mio giudizio è un po’ di parte ma credo che la cosa potrebbe attirare nuovi click ^^
    Il prossimo passo è essere su metacritic :) (che è IL MALE, ma vi fa tarebbe tanta pubblicità)
    Ho (casualmente xD ) notato la gnocca nell’artwork del voto, ne farete uno diverso in ogni recensione? °_°

    • the_TMO

      Yes! un doodle diverso per ogni recensione! Ho passato la giornata a tweakare questa parte. Diciamo che il prossimo step è dare una bella botta di ramazza alla home page, ma sto ancora decidendo! Grazie per il supporto Kinky! :*

    • kingkilium

      Ma figurati! Se mai deciderete di vendere una maglietta celebrativa come su outcast contate su di me! :D

  • Diego Castelli

    Se non giocassi sulle failconsole non avresti problemi di tearing :O

    • http://erpupo.wordpress.com/ Er`Pupo de Beavers.it

      Fortunatamente non è così fastidioso! E poi la versione non l’ho scelta io :P

    • the_TMO

      Brutal indeed! :V però è vero, ormai non c’è la danno più. Oltretutto su pc consono patch non ufficiali molto interessanti…

    • http://it.ign.com/ Stefano Castelli

      Sniff… sniff… sniff? Uh? Uhm…

  • Biagio Etna

    Complimenti, davvero. Io sono un po’ invisibile, ma vi seguo da sempre e l’evoluzione del sito (non solo grafica, ma anche concettuale) è evidente, e negli anni siete diventati una realtà che, almeno per me, lascia indietro pure siti ben più blasonati.
    Mortacci vostra! XD

    • the_TMO

      Ci proviamo, tanto l’obiettivo del fallimento è lontano quando l’hai già raggiunto più volte :V Grazie Shin ^^

  • Luca Zanella

    Bella Recensione. Mi trovo a concordare su parecchi punti, anche se giocando su pc il comparto tecnico, pur essendo sotto moltissme delle produzioni moderne, non è atroce come su console :D
    Congratulazioni :D

  • Pingback: Uccelli senza zucchero - Beavers

Speciali

uncharted_header

Speciale Uncharted

Con la pubblicazione della Nathan Drake Collection su Ps4 finalmente tutti (non tutti) gli episodi di Uncharted sono stati rimessi a nuovo. Nuova grafica, nuova risoluzione, nuovo sistema di mira, 60fps e texture in abbondanza! Ne approfitto per parlarne un pò a modo mio, come al solito no major spoiler anche perchè Sony dice che [...]

CSVrHv6WsAAFqoX

PSW’15 – Playstation Conference [parte 2]

Tekken 7 Torna anche il picchiaduro Namco. E’ il “sette” in ordine di uscita, ma la storia che lega i personaggi funge da prequel dell’intera serie. Gran Turismo Sport (esclusiva) Torna su PS4 GT, ma sarà incentrato pesantemente sull’online, tanto che hanno annunciato una cosa che potrebbe essere fantastica quanto inutile: le prove online dei [...]

pwg2015_comic_beavers

PSW’15 – Playstation Conference [parte 1]

Ricicliamo una vecchia striscia (opportunamente modificata :V), perchè il 27 Ottobre 2015, in quel di Parigi, si è consumata l’ennesima tragedia in casa Microsoft: Playstation organizza un media briefing per la Paris Games Week e droppa. Droppa ancora. Droppa di peso. Tra qualche istante si racconterà cosa, ma ritorneremo sul discorso “Console War” a fine [...]

TMO's Beavers è un marchio registrato
Creato e diretto da Marco Giammetti dal 2004 a oggi.
Programmazione Augusto Silvino | Grafica, xhtml e css by Marco Giammetti | Creato con orgoglio su Wordpress
Tutti i contenuti pubblicati, salvo diversa indicazione sono coperti da copyright è quindi vietata la riproduzione anche parziale di contenuti sia grafici che testuali senza autorizzazione.

TMO's Beavers è un prodotto Tmoproject