beavers.it
Cos'è
Beavers?
Se non sapete perchè siete qui questo è il posto giusto dove iniziare.
χ

Armello

Hmmm…avete presente Risiko? No, non va bene. Munchkin? Ecco, no, non prendete neanche quello come riferimento. Bang? No no, nulla, non mi riesce di trovare un esempio calzante per esprimervi e cercare di farvi capire cos’è Armello. Ho avuto la fortuna di finanziare la campagna Kickstarter lanciata dallo sviluppatore Leage of Geeks alcuni mesi or sono e devo ammetere che, seppure l’avessi fatta abbastanza alla cieca, probabilmente ammaliato dallo stile grafico, il risultato ha abbondantemente ripagato sia i soldi che soprattutto i miei gusti.

Armello è essenzialmente un gioco da tavolo digitale. E fin qui ci siamo. Dovervi spiegare esattamente le meccaniche è ben altro discorso. Mi risulta difficile esporlo in breve e in modo chiaro alla prima battuta, per cui qui di seguito vi parlerò solo di una prima impressione del gioco, dettata da circa 3 ore e passa di divertimento.

Iniziare a giocare ad Armello, come forse avrete intuito, non è così semplice come sembra. Piazzato davanti al mio PC, conesso a Steam, mi sono buttato subito nella mischia volendo giocare assieme al mio amico @BulloneP (contatto Twitter, stalkeratelo pure!) una bella partita al fulmicotone. Di fulmine c’è stato ben poco in quanto dopo le prime battute nella partita multigiocatore 4 VS 4 non ci ho capito quasi assolutamente niente. Non capivo la meccanica, cosa dovevo fare, a cosa servivano le carte e cosa stavano facendo gli altri 3 PG sulla mappa. Da quel momento ho capito che dovevo fare meno lo spavaldo e farmi subitissimo il tutorial in single player o mi avrebbero asfaltato male, più che altro senza neanche capire COME.

Il tutorial è stato un toccasana che consiglio a chiunque voglia approcciare un gioco come questo. Potrete capire a grandi linee tutto quanto con 4 missioni che servono anche ad introdurre 4 personaggi principali, ognuno con le sue peculiarità. C’è il lupo Thane che rappresenta un po’ il guerriero di turno, il topo Mercurio scaltro come un ladruncolo, Amber il coniglio dal forte potere magico e l’orsa Sana. Ogni missione ne introduce uno e ciò ci fa capire che il gioco sembra svolgersi sempre con un massimo di 4 giocatori a partita. Ho potuto così osservare che il gameplay è sempre a turni come in un vero gioco da tavolo, che ogni personaggio ha di norma 3 Punti Azione (PA) che gli servono per spostarsi sulla mappa, che ad ogni turno il giocatore, se già non le ha, pesca tante carte quanto è il suo valore di Ingegno. Ogni PG, oltre questo, deve tenere in considerazione i suoi parametri di Vita, Combattimento e Spirito, skills importantissime negli scontri contro altri Eroi; mentre i valori dell’Oro, della Magia, del Prestigio e della Putrefazione sono fondamentali per l’utilizzo di alcune carte, per avere un bonus ad ogni inizio turno e per sopraffare il nemico in combattimento. In fase di recensione sarò più specifico.

Dopo una fase piuttosto lunga (e volendo rigiocabile) di tutorial, durato circa 1 oretta, il mio amico @BulloneP stava dormendo, ma mi aveva aspettato, per cui abbiamo aperto le danze con una partita in multiplayer online. Purtroppo 2 VS 2 non si può fare, per cui è obbligatorio il 4 VS 4 e se non avete 3 amici con cui giocare, saranno rimpiazzati da bot comandati dal PC. Una volta scelti i personaggi e 2 oggettini a scelta che danno un bonus a qualche statistica del personaggio, ha inizio il gioco su una mappa in cui ai 4 punti cardinali saranno presenti i 4 PG, mentre al centro c’è un castello con le guardie che protegge il Re. Lo scopo del gioco è diventare Re uccidendo il regnante che, ad ogni turno, diventa sempre più debole a causa della putrefazione del Regno (oh!! Finalmente ci ha rivelato come si fa a vincere! nd Goge) [we! gli nd non te li puoi mettere da solo, fesso! ndTMO].

All’inizio del vostro turno dovrete scegliere tra 3 possibili missioni da svolgere, ognuna con una sua ricompensa. Affrontare le missioni vi permetterà di aumentare le vostre skills, fare esperienza con le carte e possibili combattimenti e, se le finirete tutte, anche di vincere la partita. Portarle a termine non è facile in quanto vi capiterà spesso di dovervi fare in lungo e in largo la mappa per recarvi nel luogo stabilito e non è che il percorso sarà tutto rose e fiori. Disseminati sul territorio ci sono i pericoli che, se superati vi daranno diritto ad altre ricompense, così come l’esplorazione di un villaggio o di un dungeon (il superamento è determinato dalle facce dei vostri dadi). Come se non bastasse, potrete scontrarvi con gli altri Eroi o fargli alcune infamate per indebolirli e farli morire, facendoli così tornare alla casella di partenza.

Ed eccoci giunti al combattimento vero e proprio che viene affrontato con i dadi che a loro volta dipendono dalle vostre statistiche e dalle carte che avete nel vostro deck. Dal momento che questo argomento richiede una spiegazione dettagliata, per il momento vi dirò semplicemente che i dadi andranno ad influenzare i vostri punti di attacco e di difesa e non è detto che un combattimento determini per forza la morte dell’avversario.

Insomma, Armello è un gioco davvero interessante che vale la pena acquistare; pieno di tattica, astuzia e anche un po’ di fortuna. Ci saranno anche parecchie cose da leggere e da provare sul campo prima di poter dire di saperci giocare bene. League of Geeks ha fatto davvero un ottimo lavoro e per il momento potrei chiedere loro solamente di farne per davvero anche una versione scatolata da tavolo. Purtroppo la mia prima partita, che è durata più di 2 ore intense e ragionate (sì, prendetevi tempo per giocare ad Armello), ha visto @BulloneP trionfare e diventare Re, ma io, seppur sconfitto, potevo rischiare di soffiargli la vittoria al fotofinish, segno che, anche se completate poche missioni, avrete sempre e comunque le vostre chances di prevalere. Almeno ho avuto la soddisfazione di entrare nel castello, tiè.

5 BONUS

  • Lo amerete se vi piacciono i giochi da tavolo fantasy
  • Grafica curata vettoriale davvero squisita
  • Meccanica di combattimento interessante
  • Gameplay ben strutturato e ragionato
  • Con 4 amici il divertimento sarà assicurato

5 MALUS

  • Se non fate il tutorial capirete davvero poco
  • Ci vuole tempo per capire bene le meccaniche di gioco
  • Avrete bisogno di ore per giocare anche solo 1 partita
  • La traduzione in italiano non è riuscita alla perfezione e a volte si fraintendono le cose
  • Non è un gioco per tutti

Un articolo di gog3

Puoi trovarmi su Twitter o Facebook

piace scegliere le vie difficili, difatti sono un grafico in Italia. Le cose si sono ulteriormente complicate quando Er Pupo mi ha chiamato per chiedermi se volevo unirmi alla banda dei Castori. In peggio. Spero, tramite le cose che scrivo e scriverò qui di incrementare l’odio che le persone hanno nei miei confronti. ODIATEMI, anche perchè uso le X al posto delle Z, ma cercherò di non farlo.

22 Ottobre 2015
Categoria: Comics

Commenti

Lascia un commento

Speciali

Speciale Uncharted

[HTML1] Con la pubblicazione della Nathan Drake Collection su Ps4 finalmente tutti (non tutti) gli episodi di Uncharted sono stati rimessi a nuovo. Nuova grafica, nuova risoluzione, nuovo sistema di mira, 60fps e texture in abbondanza! Ne approfitto per parlarne un pò a modo mio, come al solito no major spoiler anche perchè Sony dice […]