beavers.it
Cos'è
Beavers?
Se non sapete perchè siete qui questo è il posto giusto dove iniziare.
χ

Call of Duty:Ghosts

Nessuno mi disturberà mentre mi accingo a raccontarvi del gioco più bello della storia.

Call of Duty:Ghosts

Finalmente!

Ghosts è la nuova installazione del brand più di successo nella storia dei videogiochi. Dopo il favoloso Black Ops 2 dell’anno scorso toccava ad Infinity Ward tornare in pista per realizzare il nuovo capitolo del colosso posseduto da Activision. Infinity Ward che, ricordo a tutti, è reduce da quei capolavori chiamati Modern Warfare.

In COD:Ghosts vestiremo i panni di Logan, soldato professionista di San Diego. Il setting è anche interessantissimo. Abbandonate le surreali vicende semi futuristiche di Black Ops 2 si torna in un uno scenario pienamente plausibile, con il sud america conquistato ed unificato da un governo totalitario che decide di invadere il bastione delle libertà rappresentato dagli Stati Uniti d’America, e lo fanno nella maniera più codarda possibile: infiltrandosi nella stazione di controllo di Odin (gigantesca arma spaziale contruita dagli USA per difendere il proprio territorio), e lanciando un attacco assolutamente non provocato su alcune delle maggiori città degli stati uniti. Da questo evento inizia una guerra che devasta la maggior parte del nord america e costringe ad uno stato d’assedio perenne. A questo punto l’intero esercito si affiderà ad una squadra di soldati super addestrati per vincere la guerra. Guidati dallo stesso leggendario guerriero che, in nome della libertà, anni prima uccise il capo del governo sud americano questi eroi dovranno compiere una serie di missioni importantissime per salvare gli USA da distruzione certa. E vi dico solo che questo tizio è talmente un figo che in una missione flashback si può attraversare un intero livello camminando accovacciati sott’acqua, e non ha nemmeno bisogno di respirare. Questo è quanto figo è quell’uomo.
E non bisogna scordare Ryley, il famosissimo cane membro del team. Tutta la publicità incentrata su di lui è assolutamente giustificata. Le due missioni in cui è presente sono assolutamente fantastiche. È davvero interessante muoversi di soppiatto lungo un corridoio d’erba alta ed occasionalmente sbranare nemici in maniera stealth. Inoltre è apprezzabile il fatto che il cane non sia presente durante tutta la campagna, poichè sbilancerebbe davvero troppo l’azione. In fondo siamo li per sparare agli invasori messicani, non per morderli.

null

La giocabilità è poi un qualcosa di eccezionale. Tutto il gioco ci porta lungo una serie di variegati ambienti, che spaziano fra campi, foreste e strutture, ed anche quando l’ambiente sembra sconfortatamente vasto saremo aiutati dalla nostra squadra, che ci indicherà esattamente quale direzione seguire ed aprirà per noi le uniche porte attraverso cui possiamo passare. In questa maniera possiamo concentrarci sulla parte che interessa a tutti, sparare ai cattivi. E se per caso non ci va di farlo allora sarà sufficiente per noi andare avanti e nasconderci dietro a qualche indistruttibile muretto, cassa di legno o sasso opportunamente piazzato ed i nostri compagni si prenderanno cura di eliminare tutti i nemici per conto nostro. Semplicemente fantastico.
Il gioco ci propone anche diverse sezioni in ambienti non convenzionali, come ad esempio a bordo di un elicottero, nello spazio o sott’acqua. Per fortuna hanno mantenuto i controlli inalterati in queste sezioni, non facendoci re-imparare da capo la configurazione dei tasti. Anche la risposta del vuoto dello spazio, dell’atmosfera terrestre e dell’acqua è stata mantenuta assolutamente identica così che non possa risultare complicato o frustrante avere un personaggio più lento o impacciato.

Ora, so che il gioco ha suscitato controversie con accuse di razzismo, ma posso garantirvi che non è vero per niente. Intanto, il primo membro della squadra a morire è un soldato di colore, quindi possiamo stare tranquilli che c’è un minimo di etnicità. E poi i cattivi sono competenti proprio perchè guidati da un americano, non per meriti propri. Questo in parte li scagiona e mostra che anche fra i figli della terra delle libertà ci può essere qualche elemento da eliminare in nome della democrazia. Ed il cattivo è nero o marrone? No, è bianco. Quindi si deve sparare anche a dei bianchi durante il gioco.

Viva i CODDERS!

Passando al comparto multiplayer ci troviamo dinnanzi a tutto ciò che abbiamo amato alla follia nei giochi precedenti come decine di armi, accessori e perks da sbloccare. Tornano anche le sfide e la fantastica community che ha reso questo brand una stupenda esperienza. Il gioco è meravigliosamente run and gun, i riflessi conteranno più dell’approccio ragionato.
Nessuna novità sul lato delle modalità di gioco per fortuna, niente di nuovo da imparare. C’è solo da inserire il disco e killare noobs e campers a destra e manca.

Tecnicamente intelligente

Parliamo ora di quello che è il lato tecnico del gioco.
Presentarsi sulle console next gen con il precedente motore grafico upscalato è stata sicuramente la scelta giusta. Il gioco è fluidissimo e veloce, e grazie al fatto che non hanno sprecato tempo in un nuovo engine next gen vanta delle texture eccellenti ed in full HD.
Il sonoro è anche lui di altissimo livello, con doppiaggio integrale in inglese per gli americani ed in qualche tipo di spagnolo per i nemici.
La fisica di gioco è sopra la media, con oggetti ed equipaggiamenti che appaiono senza peso nelle mani dei soldati, dimostrando quanto questi uomini si addestrano e faticano per proteggerci notte e giorno. Chiunque riesca a mantenere la stessa agilità indossando un lanciamissili e mitragliatore o coltello e pistola merita tutto il nostro rispetto e la nostra ammirazione.

In buona sostanza, il gioco è fenomenale e non dovete lasciarvelo scappare.

null

Un articolo di Casimiro

Puoi trovarmi su Twitter o Facebook

Lo pseudo-hipster presente in tutte le community. Tranne la nostra. Inventarlo non era abbastanza masochista: lo abbiamo promosso a redattore.

14 gennaio 2014 Categoria: Comics Review

Ci sono 4 commenti

Commenti

  • http://beavers.it/ Er`Pupo de Beavers.it

    Sto tipo a morì!

  • Luca Zanella

    La vignetta è da scassarsi XD

  • kingkilium

    Devastante XD
    Ora magari Activision si compra il dominio beavers.it per dieci milioni di dollari :D

  • Wolfgang

    favoloso

Speciali

uncharted_header

Speciale Uncharted

Con la pubblicazione della Nathan Drake Collection su Ps4 finalmente tutti (non tutti) gli episodi di Uncharted sono stati rimessi a nuovo. Nuova grafica, nuova risoluzione, nuovo sistema di mira, 60fps e texture in abbondanza! Ne approfitto per parlarne un pò a modo mio, come al solito no major spoiler anche perchè Sony dice che [...]

TMO's Beavers è un marchio registrato
Creato e diretto da Marco Giammetti dal 2004 a oggi.
Programmazione Augusto Silvino | Grafica, xhtml e css by Marco Giammetti | Creato con orgoglio su Wordpress
Tutti i contenuti pubblicati, salvo diversa indicazione sono coperti da copyright è quindi vietata la riproduzione anche parziale di contenuti sia grafici che testuali senza autorizzazione.

TMO's Beavers è un prodotto Tmoproject