beavers.it
Cos'è
Beavers?
Se non sapete perchè siete qui questo è il posto giusto dove iniziare.
χ
Freud Strikes BackFreud Strikes BackFreud Strikes BackFreud Strikes Back

Freud Strikes Back

L’invidia del pene è un concetto che in teoria dovrebbero avere le donne, ma in Journey non si capisce esattamente di che sesso siano i personaggi quindi il tutto si misura con la sciarpa.

Scarf is the new penis.

E direi che il pene dei programmatori (senza nulla togliere a chi di sesso femminile abbia partecipato) di that game company è ENORME. Siamo al cospetto del classico gioco che esce una volta ogni 20 anni, infatti era da Another World che non rimanevo con la bocca spalancata e con la sopresa negli occhi per un ammasso di codice.
Se con Flow il design dei giochi in Flash ha preso una nuova direzione artistica e con Flower  ci siamo divertiti con Sixaxis e petali di fiore questa volta vi ritroverete la camera inondata di sabbia. Non riesco a trovare parole per descrivere quanto è fatta bene la simulazione del terreno. I primi 10 minuti di gioco sono praticamente sprecati (macchè) nel fare cerchi a terra, guardare l’orizzonte, farsi sbattere a terra dalla tempesta anche solo per vedere la sabbia che si alza al vento, ammirare i giochi di luce.

Sono malatissimo per questo genere di particolari e Journey non fa altro che giocarci in continuazione. Esserini di stoffa che volano in giro ed atterrano nella sabbia come se raccogliessero insetti, pezzi di civiltà poeticamente abbandonati qui e li, giochi di colori e piante di panno che ogni tanto vi fanno addirittura dimenticare di essere in pieno deserto grazie al loro movimento fluido, ingannando la percezione, creando l’illusione di essere nell’ acqua.

L’esplorazione è la chiave di tutto, attivare determinate zone con l’aiuto del compagno di turno è infatti stranamente… naturale, incontrare qualcuno online in Journey è la parte più spassosa. Non c’è comunicazione nel gioco, assolutamente. In pratica premendo cerchio si emette un suono/energia. Tenendo premuto si effettua un suono più grande e quindi più potente. Questo è l’unico modo che avrete per “parlare” con l’altro giocatore, una specie di continuo codice morse.

La cosa incredibile è che ad un certo punto dell’ esperienza avrete imparato a comunicare di tutto con dei semplici “PLIN!”, riuscirete a comprendervi. Almeno così è capitato a me, convinto di aver giocato dall’ inizio alla fine sempre con la stessa persona a cui avevo comunicato paura, scoperte, nascondigli, per poi accorgermi che avevo giocato con 6 persone differenti. E giuro, ci si capiva come se avessimo giocato assieme da sempre.

Sarà stata fortuna, che vi devo dire.
Unica pecca? Dura poco. Dura TROPPO poco. Creare e lavorare ad un gioco del genere deve essere non difficile, di più. Ma ci vorrebbe il triplo, il doppio, il QUADRUPLO della durata del gioco. Ce ne vuole ancora.

Ma va bene anche così. Tanto lo giocherò fino a che ogni granello di sabbia non mi sarà familiare.

Prima di morire voglio fare anche io un gioco così memorabile. Tra 20 anni sarà ancora più bello. Grazie TGC. Di esistere.

Un articolo di the TMO

Puoi trovarmi su Twitter o Facebook

per gli amici Timo, è in realtà Marco E. Giammetti, sul pianeta terra dal 1979 e grafico dal giorno prima. Ha cominciato a mettere le appiccicaticce manine sui videogame all’ età di 3 anni con un Vic 20 e non ha più smesso di giocare da quella data in poi, frequentando sale giochi malfamate e rischiando più volte la bocciatura a scuola per tentare di uccidere quell’ ultimo maledetto boss.

15 marzo 2012 Categoria: Comics

Ci sono 9 commenti

Commenti

  • http://twitter.com/ErPupoDeBeavers Er`Pupo – Beavers.it

    Lo voglio, caZo!

  • http://twitter.com/Godot91 Dimitri Vitale

    Giocato e finito la scorsa settimana grazie al Plus: sublime. Come anche la strip.

  • http://www.facebook.com/profile.php?id=1005964691 Chiara Catalano

    bell’articolo :)))

    • http://www.facebook.com/theTMO Marco Giammetti

      Grazie! Ci conosciamo?! :V

  • http://www.facebook.com/profile.php?id=1503853138 Pierluigi Vessichelli

    è esattamente come l’ho descritto io ;__; solo che tu hai usato parole migliori. L’ho giocato già tre volte e le decorazioni del vestito hanno cominciato a cambiare : )

  • marcolago

    No, non dura troppo poco, se durasse di più non lo rigiocherei di continuo, se durasse di più non giocherei due o tre partite a sera, sempre con persone diverse, sempre con nuove sensazioni.
    Una nuova definizione di rigiocabilità per me.
    Bravi, bravi, bravi.

    • http://www.facebook.com/theTMO Marco Giammetti

      Posso tranquillamente pagare oro per nuovi livelli, senza problemi.

  • Lorenzo Canzanella

    purtroppo non sono ancora avuto 2-3 ore calme da dedicarsi. Sto aspettando con ansia di poterne godere anch’io. Mi sento circondato da pareri incredibilmente entusiasti. Da altre fonti ho avuto la conferma che il gioco punta alla rigiocabilità e personalmente adoro questo approccio.

  • Lorenzo Canzanella

    Journey.

Speciali

uncharted_header

Speciale Uncharted

Con la pubblicazione della Nathan Drake Collection su Ps4 finalmente tutti (non tutti) gli episodi di Uncharted sono stati rimessi a nuovo. Nuova grafica, nuova risoluzione, nuovo sistema di mira, 60fps e texture in abbondanza! Ne approfitto per parlarne un pò a modo mio, come al solito no major spoiler anche perchè Sony dice che [...]

CSVrHv6WsAAFqoX

PSW’15 – Playstation Conference [parte 2]

Tekken 7 Torna anche il picchiaduro Namco. E’ il “sette” in ordine di uscita, ma la storia che lega i personaggi funge da prequel dell’intera serie. Gran Turismo Sport (esclusiva) Torna su PS4 GT, ma sarà incentrato pesantemente sull’online, tanto che hanno annunciato una cosa che potrebbe essere fantastica quanto inutile: le prove online dei [...]