beavers.it
Cos'è
Beavers?
Se non sapete perchè siete qui questo è il posto giusto dove iniziare.
χ

Splatoon

Purpetielli affogati

Splatoon

Io sono convinto che, nella lontana terra del Sol Levante, in una stanza sopra le nuvole, in un castello di acciaio e vetro, sieda Re Nintendo. Il suo sguardo benevolo spazia su ogni persona che vive, respira e gioca nel mondo di noi comuni mortali. Un solo pensiero nella sua mente gioviale: “Come posso fottere la mente dei videogiocatori oggi?”
No davvero. Sono convintissimo che Nintendo ci trolla.
E ci trolla da una vita oramai.
E grazie a tutti gli dei dell’universo che lo fa.
“I videogiochi sono per pochi eletti, complessi e macchinosi” “BUM, NES e Super Mario Bros.”
“I giochi di macchine sono seri, complessi e simulativi” “BUM, Mario Kart”
“I videogiocatori vogliono immedesimarsi nei loro nerboruti eroi” “BUM, Samus Aran”
“I picchiaduro sono un genere complesso. Milioni di mosse da ricordare per poterli giocare al meglio” “BUM, Super Smash Bros”
“I platform sono morti. Abbiamo raggiunto l’apice della perfezione e non c’è nulla di nuovo da dire” “BUM, Mario 64”
“Per essere belli gli sparatutto devono essere violenti e frenetici. Il target è quello dei college kids e vogliono violenza e tette.” “BUM, Splatoon

Calamari antropomorfi

Splatoon risponde ad una domanda che tormenta l’umanità da anni oramai: “Se i calamari si fossero evoluti come razza dominante del pianeta, come farebbero due gruppi di ragazzini a combattere?”
E la risposta è semplice: con pistole ad acqua caricate ad inchiostro colorato ovviamente.
Il gioco si presenta come uno sparatutto arena in terza persona. Due squadre di quattro giocatori si affrontano all’interno di una mappa con il solo obiettivo di ricoprire di inchiostro più terreno dei loro avversari. La squadra che ha inchiostrato più terreno alla fine del match vince.
Questo peculiare obiettivo cambia completamente lo stile di gioco dagli sparatutto tradizionali. Le kill sono infatti molto meno importanti di quanto sarebbero in un COD qualsiasi…

null

hem, dicevo…in quanto non garantiscono punti. Portano un vantaggio alla propria squadra in quanto mettono fuori uso un giocatore avversario per un po’ di tempo ma non è niente di insormontabile come malus.
Un’altra cosa che differenzia Splatoon dagli sparatutto tradizionali è il modo di ricarica delle proprie munizioni, o inchiostro. Tramite la pressione del dorsale sinistro infatti, il nostro personaggio assumerà la forma di un calamaro più tradizionale. Questo ci permetterà di nuotare nell’inchiostro del nostro colore, il che ci renderà più veloci ed allo stesso tempo ricaricherà le nostre scorte. Altro piccolo bonus, potremo scalare superfici e muri in forma di calamaro.
Inoltre il principio di conservazione della massa non si applica ai calamari, poichè nuotare in una pozzangherina di inchiostro ricaricherà la vostra tanica di preziose munizioni, ma non si consumerà (Cartolai hates him).
Nel gioco inoltre si può salire di livello, sbloccando la possibilità di acquistare capi di abbigliamento che, oltre a personalizzare il nostro personaggio aggiungono vari bonus. Ed ovviamente sbloccheremo anche diversi tipi di armi per il nostro arsenale. Piccola nota sulle armi. Quando si sceglie di equipaggiarne una verranno anche automaticamente assegnati il tipo di granate ed il super attacco. Viaggiano a tripletta e non sono customizzabili.
Il gioco inoltre permette di giocare le due modalità online (ranked e normal) in 2 mappe che cambiano a rotazione ogni 4 ore.
Nuove mappe e nuove armi stanno venendo rilasciate gratuitamente in questo periodo di lancio.
C’è anche una piccola modalità offline, molto più simile a Portal come stile che non ad uno sparatutto tradizionale stile Gears

null

visto che principalmente consisterà nel risolvere piccoli enigmi.

A livello giocabilità ci troviamo dinnanzi ad uno sparatutto in terza persona. I personaggi sono reattivi ed i controlli precisi e semplici da usare, ed il gioco fa del suo meglio per utilizzare il paddone del WiiU. Ad ogni momento potrete vedere una mappa 3d che si colora in tempo reale a seconda di chi inchiostra dove, e tramite alcuni bonus anche la posizione dei vostri compagni o nemici.
L’asse verticale per la mira è inoltre settato di default sul motion control. Normalmente non è un qualcosa che mi interessa, ma in questo caso in realtà mi trovo molto meglio che con il controllo affidato solamente alla leva destra. È estremamente intuitivo e preciso da usare.
A livello tecnico siamo ad un ottimo livello per il WiiU. Il gioco è fluido e coloratissimo. Le immagini a schermo sono vibranti e pulitissime. Peccato solo per il sonoro; sebbene gli effetti sonori siano di buon livello, la limitata colonna sonora tende a venire a noia abbastanza rapidamente.
Siamo quindi davanti ad un gioco divertentissimo e coloratissimo. Come tradizione Nintendo sarà in grado di divertire ad ogni fascia d’età ed ad ogni livello di esperienza con i videogiochi.
E siamo anche davanti ad un qualcosa che Nintendo non lanciava dai tempi di Pikmin, una nuova IP.
E con un altro titolo di qualità WiiU si dimostra ancora una volta l’unica console next gen che non mi stà deludendo ogni giorno di più.

8.5

null

Un articolo di Prophet

Puoi trovarmi su Twitter o Facebook

Sono capitato su questo sito di pazzi parecchio tempo fa, un semplice lettore come voi comuni mortali, ed il sito era differente allora; tutto era più semplice a quei tempi. Ma un giorno cominciarono le recensioni, e sentii un disturbo nella forza. TMO, Pupo e LostTrainDude erano soli e disperati, e solamente il successore della divina recensione di Hokuto poteva salvarli, ma era occupato. Quindi ho cominciato a dare una mano io. Gioco ai videogiochi da quando convinsi i miei genitori a regalarmi un Master System per Natale, e da allora non c'è stato giorno in cui non abbia trovato un modo per fare una partita ad un qualunque sistema di intrattenimento elettronico. Questo purtroppo ha generato in me un errore critico di sistema, da cui è nato Casimiro; personificazione di tutto ciò che c'è di sbagliato e corrotto nella community dei videogiocatori. Almeno ci fa ridere.

08 giugno 2015 Categoria: Comics Review

Ci sono 8 commenti

Commenti

  • Lucacat

    TMO quando scendi in campo?
    Yheee Splaaaaaattttatayattaata!

    • http://beavers.it/ Marco Giammetti

      Se riesco, stanotte! :D

    • Lucacat

      Battere il mio record di colore di 2035 se vi riesce

    • http://beavers.it/ Marco Giammetti

      Già cominciare a giocare sarebbe un punto di partenza.

    • Luca Zanella

      Stiquazzi… 2035? È tanterrimo!

    • Lucacat

      È nato tutto da un senso di frustazione per le imboscate jappo style.
      @.@….jappi….jappii….splataattatatatatata!

  • asavaris

    fico il disegno a fine recensione

    • http://beavers.it/ Marco Giammetti

      Grazie!

Speciali

uncharted_header

Speciale Uncharted

Con la pubblicazione della Nathan Drake Collection su Ps4 finalmente tutti (non tutti) gli episodi di Uncharted sono stati rimessi a nuovo. Nuova grafica, nuova risoluzione, nuovo sistema di mira, 60fps e texture in abbondanza! Ne approfitto per parlarne un pò a modo mio, come al solito no major spoiler anche perchè Sony dice che [...]

CSVrHv6WsAAFqoX

PSW’15 – Playstation Conference [parte 2]

Tekken 7 Torna anche il picchiaduro Namco. E’ il “sette” in ordine di uscita, ma la storia che lega i personaggi funge da prequel dell’intera serie. Gran Turismo Sport (esclusiva) Torna su PS4 GT, ma sarà incentrato pesantemente sull’online, tanto che hanno annunciato una cosa che potrebbe essere fantastica quanto inutile: le prove online dei [...]

pwg2015_comic_beavers

PSW’15 – Playstation Conference [parte 1]

Ricicliamo una vecchia striscia (opportunamente modificata :V), perchè il 27 Ottobre 2015, in quel di Parigi, si è consumata l’ennesima tragedia in casa Microsoft: Playstation organizza un media briefing per la Paris Games Week e droppa. Droppa ancora. Droppa di peso. Tra qualche istante si racconterà cosa, ma ritorneremo sul discorso “Console War” a fine [...]

TMO's Beavers è un marchio registrato
Creato e diretto da Marco Giammetti dal 2004 a oggi.
Programmazione Augusto Silvino | Grafica, xhtml e css by Marco Giammetti | Creato con orgoglio su Wordpress
Tutti i contenuti pubblicati, salvo diversa indicazione sono coperti da copyright è quindi vietata la riproduzione anche parziale di contenuti sia grafici che testuali senza autorizzazione.

TMO's Beavers è un prodotto Tmoproject